ASSOCIAZIONE THEAO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Associazione Theao porta avanti dal 2013 un’azione di sensibilizzazione contro la violenza domestica e il femminicidio. Nel corso degli anni sono stati realizzati due percorsi teatrali: E’ davvero colpa mia? e barbaBLU.

E’ DAVVERO COLPA MIA? (2013)

femminicidio 041 (Small)

Lunedì 25 novembre 2013 è andato in scena per la prima volta, in occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, presso la Sala Vallaperti (Palazzo Trivulzio, via Dante 2 – 20066 Melzo MI) un importante appuntamento: “E’ davvero colpa mia?”, una serata teatrale di riflessione sul tema della violenza domestica e sul femminicidio. Sono tantissime, troppe le donne che vengono picchiate, insultate, stuprate, perseguitate e anche uccise, dai propri partner, fidanzati, mariti o ex che siano. Troppo spesso le donne si accollano colpe non loro, pensano di essere inadeguate, di meritare in qualche modo la violenza che – fisica o psicologica – viene commessa contro di loro.

Nel corso della serata, con testi tratti da “Il buio oltre la porta” di Nicoletta Sipos, “Ferite a Morte” di Serena Dandini e “Casa di Bambola” di Henrik Ibsen, si è cercato con il teatro di dar voce a chi non riesce a farsi sentire, a chi non ha il coraggio di denunciare, a chi lancia segnali di aiuto che restano inascoltati, ma anche a chi purtroppo non c’è più. Con uno spiraglio di speranza, perchè la domanda “E’ davvero colpa mia?” è il primo passo per riuscire, un giorno, a liberarsi dall’inferno.

Sulla scalinata di Palazzo Trivulzio, che conduce alla Sala Vallaperti, sono state disposte scarpe rosse, a rappresentare le donne, vittime di violenza. Il rimando è all’installazione della creativa messicana Elina Chauvet “Zapatos Rojos”, realizzata per la prima volta nel 2009 a Ciudad Juárez, città di frontiera nel nord del Messico dove, a partire dal 1993, centinaia di donne vengono rapite, stuprate e assassinate. L’installazione è presto diventata un simbolo, ed è stata ripetuta con successo in tutto il mondo. Per dire un ‘basta’ forte e unanime alla violenza di genere. Durante la serata è stata allestita anche la mostra fotografica itinerante “MI VEDI FRAGILE?” della Fondazione Padri Somaschi.

A partire dal 2013 abbiamo portato E’ davvero colpa mia? in molti comuni di Martesana e Brianza:

E’ DAVVERO COLPA MIA? – DOMENICA 30 MARZO 2014 A BUSSERO

E’ DAVVERO COLPA MIA? – SABATO 29 NOVEMBRE 2014 A BASIANO (MI)

E’ DAVVERO COLPA MIA? – VENERDI’ 6 FEBBRAIO 2015 A TRUCCAZZANO (MI)

E’ DAVVERO COLPA MIA? – VENERDI’ 27 NOVEMBRE 2015 A LISCATE (MI)

E’ DAVVERO COLPA MIA? – DOMENICA 26 NOVEMBRE 2017 A LESMO (MB)

70x100_Colpamia_Lesmo (Medium)

 

barbaBLU (2016)

tob_2893-large

barbaBLU è il nuovo percorso teatrale di sensibilizzazione contro la violenza domestica e il femminicidio di Associazione Theao, andato in scena nel 2016. A differenza di E’ davvero colpa mia? (il nostro primo progetto) questo fenomeno, che purtroppo coinvolge tutti gli strati della popolazione, è stato raccontato con lo sguardo degli uomini che commettono violenza. Per capire che la violenza a volte si trova proprio vicino a noi, in piccoli atteggiamenti quotidiani apparentemente innocui, in modi di pensare che sono le radici di stereotipi e modelli di comportamento sbagliati, e proprio per questo dobbiamo imparare a riconoscerla.

barbaBLU parte dalla testimonianza di una madre che ha visto la figlia uccisa dal compagno, che lotta attraverso le giustificazioni della violenza. Recuperando alcune parti di E’ davvero colpa mia?, gli attori e le attrici racconteranno la favola di Barbablu di Charles Perrault. Ma centrali saranno le testimonianze reali e lucide di uomini autori di violenza, che hanno però intrapreso un cammino di recupero nei pochissimi centri dedicati a questa attività, oltre a quella di un poliziotto e di un medico, simbolo delle realtà con cui una donna viene in contatto nel momento in cui riesce a trovare il coraggio per chiedere aiuto.

barbaBLU (andato in scena a Melzo, Truccazzano e Settala) è stato accompagnato dalla mostra Riconoscersi uomini – Liberarsi dalla violenza curata dalle associazioni Maschile Plurale e Officina, per imparare a riconoscere le situazioni quotidiane che potenzialmente potrebbero scatenare un’azione violenta. Ma la scelta finale sarà molto diversa.

barbaBLU, PER APPROFONDIRE

SPECIALE barbaBLU – PERCHE’ UN NUOVO SPETTACOLO SULLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

SPECIALE barbaBLU – LA VIOLENZA SULLE DONNE VISTA CON GLI OCCHI DEGLI UOMINI

barbablu